Categorie
EN

Home>News center

Lavoro Happy Day

Tempo: 2020-08-27 Colpi: 35

Il 1° maggio, Giornata internazionale dei lavoratori, commemora la storica lotta dei lavoratori in tutto il mondo ed è riconosciuto nella maggior parte dei paesi. Gli Stati Uniti d'America e il Canada sono tra le eccezioni. Questo nonostante la festa sia iniziata negli anni ottanta dell'Ottocento negli USA, legata alla battaglia per la giornata di otto ore, e agli anarchici di Chicago.

La lotta per la giornata di otto ore iniziò negli anni '1860 dell'Ottocento. Nel 1884, la Federation of Organized Trades and Labour Unions degli Stati Uniti e del Canada, organizzata nel 1881 (e cambiando il suo nome nel 1886 in American Federation of Labour) approvò una risoluzione che affermava che “otto ore costituiranno una giornata di lavoro legale da e dopo il 1 maggio 1886, e che raccomandiamo alle organizzazioni sindacali di tutto questo distretto di dirigere le loro leggi in modo da conformarsi a questa risoluzione”. L'anno successivo la Federazione ripeté la dichiarazione che un sistema di otto ore sarebbe entrato in vigore il 1 maggio 1886. Con i lavoratori costretti a lavorare dieci, dodici e quattordici ore al giorno, il sostegno al movimento di otto ore crebbe rapidamente . Nei mesi precedenti al 1 maggio 1886 migliaia di operai, organizzati e non organizzati, membri dell'organizzazione Cavalieri del Lavoro e della federazione, furono coinvolti nella lotta. Chicago è stata il centro principale dell'agitazione per una giornata più breve. Gli anarchici erano in prima linea nella Central Labour Union di Chicago, che nel 22 era composta da 1886 sindacati, tra cui i sette più grandi della città.

Durante gli scioperi della ferrovia del 1877, i lavoratori erano stati violentemente attaccati dalla polizia e dall'esercito degli Stati Uniti. Una tattica simile di terrorismo di stato è stata preparata dalla burocrazia per combattere il movimento delle otto ore. La polizia e la Guardia Nazionale furono ingrandite e ricevettero nuove e potenti armi finanziate da imprenditori locali. Il Commercial Club di Chicago ha acquistato una mitragliatrice da $ 2000 per la Guardia Nazionale dell'Illinois da utilizzare contro gli scioperanti. Tuttavia, entro il 1° maggio, il movimento aveva già ottenuto guadagni per molti lavoratori di Chicago. Ma il 3 maggio 1886, la polizia sparò su una folla di scioperanti della McCormick Harvester Machine Company, uccidendo almeno un attaccante, ferendone gravemente altri cinque o sei e ferendone un numero imprecisato. Gli anarchici hanno convocato una riunione di massa il accanto giornata ad Haymarket Quadrata per protestare contro la brutalità.

L'incontro è proseguito senza incidenti e quando l'ultimo oratore era sulla piattaforma, il piovoso raduno si stava già sciogliendo, con solo circa duecento persone rimaste. Fu allora che una colonna di polizia di 180 uomini marciò nel quadrato e ordinò alla riunione di disperdersi. Al termine dell'incontro una bomba è stata lanciata contro la polizia, uccidendone uno sul colpo, altri sei sono morti in seguito. Circa settanta agenti di polizia sono rimasti feriti. La polizia ha risposto sparando sulla folla. Quanti civili sono stati feriti o uccisi dai bullit della polizia non è mai stato accertato esattamente. Sebbene non sia mai stato determinato chi ha lanciato la bomba, l'incidente è stato usato come scusa per attaccare gli anarchici e il movimento operaio in generale. La polizia ha perquisito le case e gli uffici di sospetti radicali e centinaia sono stati arrestati senza accusa. Un regno di terrore della polizia invase Chicago. Mettendo in scena "incursioni" nei distretti della classe operaia, la polizia ha radunato tutti gli anarchici e gli altri socialisti conosciuti. "Prima fai le incursioni e poi controlla la legge!" consultò pubblicamente il procuratore dello stato.

Gli anarchici in particolare furono molestati e otto dei più attivi di Chicago furono accusati di cospirazione per omicidio in connessione con l'attentato di Haymarket. Un tribunale del canguro ha ritenuto colpevoli tutti e otto, nonostante la mancanza di prove che collegassero qualcuno di loro al lanciatore di bombe, e sono stati condannato morire. Il 9 ottobre 1886, il settimanale Knights of Labor pubblicò a Chicago, autoried a pagina 1 il seguente annuncio: “Successiva settimana iniziamo la pubblicazione delle vite degli anarchici pubblicizzate in un'altra rubrica”. La pubblicità, autoried a pagina 14, leggi: “La storia degli anarchici, raccontata da loro stessi; Parsons, Spies, Fielden, Schwab, Fischer, Lingg, Engle, Neebe. L'unica vera storia degli uomini che affermano di essere condannati a morte per aver esercitato il diritto alla libertà di parola: la loro associazione con le società sindacali, socialiste e anarchiche, le loro opinioni sugli scopi e gli obiettivi di queste organizzazioni e come si aspettano per realizzarli; anche il loro legame con il Chicago Haymarket Affair. Ogni uomo è l'autore della propria storia, che apparirà solo nei "Cavalieri del lavoro" durante il accanto tre mesi, – il grande giornale del lavoro degli Stati Uniti, un settimanale di 16 pagine, contenente tutte le ultime notizie del giorno sul lavoro straniero e domestico, storie, suggerimenti sulla famiglia, ecc. Un giornale cooperativo di proprietà e controllato dai membri dei Cavalieri del Lavoro, e fornito per la piccola somma di $ 1.00 all'anno . Indirizzare tutte le comunicazioni alla Knights of Labor Publishing Company, 163 Washington St., Chicago, Ill. Successivamente questo giornale e il giornale Alarm pubblicarono le autobiografie degli uomini di Haymarket.

Albert Parsons, August Spies, Adolf Fischer e The George Engel furono impiccati l'11 novembre 1887. Louis Lingg si suicidò in prigione. Le autorità consegnarono i corpi ad amici per la sepoltura e si tenne uno dei più grandi cortei funebri nella storia di Chicago. È stato stimato che tra le 150,000 e le 500,000 persone hanno costeggiato il percorso intrapreso dal corteo funebre dei martiri di Haymarket. Un monumento agli uomini giustiziati fu inaugurato il 25 giugno 1893 al cimitero di Waldheim a Chicago. I restanti tre, Samuel Fielden, Osauto Neebe e Michael Schwab furono finalmente graziati nel 1893.

Il 26 giugno 1893, il governatore dell'Illinois, John Peter Altgeld, ha emesso il messaggio di grazia in cui ha chiarito che non stava concedendo la grazia perché credeva che gli uomini avessero sofferto abbastanza, ma perché erano innocenti del crimine per cui erano stati processati, e che loro e gli impiccati gli uomini erano stati vittime di isteria, giurie gremite e un giudice di parte. Ha osservato che gli imputati non sono stati provati colpevoli perché lo stato "non ha mai scoperto chi ha lanciato la bomba che ha ucciso il poliziotto, e le prove non mostrano alcun collegamento tra gli imputati e l'uomo che l'ha lanciata".

Non sorprende che lo stato, i leader aziendali, i principali funzionari sindacali e i media vogliano nascondere la vera storia del Primo Maggio. Nel tentativo di cancellare la storia e il significato del Primo Maggio, il governo degli Stati Uniti ha dichiarato il 1° maggio "Giornata della legge" e ha invece concesso ai lavoratori il Labor Day, il primo lunedì di settembre, una festa priva di significato storico.

Tuttavia, invece di reprimere i movimenti sindacali e anarchici, gli eventi del 1886 e l'esecuzione degli anarchici di Chicago, portavoce del movimento per la giornata di otto ore, mobilitarono molti generazioni dei radicali. Emma Goldman, all'epoca una giovane immigrata, in seguito indicò l'affare Haymarket come la sua nascita politica. Invece di scomparire, il movimento anarchico crebbe solo sulla scia di Haymarket.

Come lavoratori, dobbiamo riconoscere e commemorare il Primo Maggio non solo per il suo significato storico, ma anche come momento per organizzarci attorno a questioni di vitale importanza per la classe operaia, cioè la gente, di oggi.

1